Il Parco Montemarcello può diventare un parco ambientale interregionale.

Aderisco con convinzione alla proposta, partita dal Movimento 5 Stelle, di realizzare un parco ambientale interregionale che possa salvaguardare il territorio ricompreso nel Parco Montemarcello Magra.

L’iniziativa, cui aderisco insieme a Giacomo Bugliani -consigliere Pd della Toscana-, è pensata per valorizzarne le potenzialità e farne un polo naturale e turistico ancora più forte. Aderiamo e, dopo una giornata particolare nella quale milioni di giovani e non solo si sono mobiliati contro i cambiamenti climatici, invitiamo a unirsi all’iniziativa in primis i giovani che sostengono Greta per la tutela dell’ambiente.

Possiamo tutti insieme fare qualcosa di veramente concreto partendo da casa nostra, dalla nostra comunità e dal nostro territorio. Difendiamo il Parco e diamogli un’occasione concreta di crescita e di futuro.

Sul Parco Montemarcello Magra si sono dette tante cose. Proposte più o meno bizzarre di una sua abolizione o di un ridimensionamento, non possono e non devono assolutamente essere prese in considerazione, proprio nella convinzione della sua importanza e della necessità di una crescita della consapevolezza di quanto un ente come il Parco possa fare a salvaguardia, tutela e protezione dell’ambiente.

Si tratta di una risorsa preziosa per le economie dei territori che vi appartengono. Per questo aderisco, e rinnovo l’invito ad aderire, alla proposta del Movimento 5 Stelle di realizzare un Parco che riunisca l’intera asta fluviale del fiume Magra, unendo le forze di territori che condividono peculiarità e caratteristiche ambientali.

È una visione del Parco che ne esalta l’importanza e lo eleva a risorsa economica ed ambientale di importanza strategica, in netta opposizione a chi propone il suo ridimensionamento o peggio l’abolizione.