Giustizia è fatta!

Con la decisione del tribunale di ieri che ha condannato la giornalista Settimini posso finalmente affermare di essere riuscito a difendere la dignità mia e della mia famiglia.

4 anni fa infatti è stato pubblicato l’articolo che, tra le altre cose, mi accusava di essere un disonesto perché da assessore non pubblicavo i miei redditi (falso).

Insinuava inoltre che, quando ero assessore al Comune di Sarzana, avessi utilizzato la mia posizione politica per assegnare case popolari ai miei familiari.
Ieri la giustizia ha ritenuto il sottoscritto vittima di diffamazione.

Oggi la giustizia è stata ristabilita pubblicamente. Ho avuto fiducia nella magistratura e la verità è emersa.
Sono sempre andato orgoglioso delle umili origini della mia famiglia e non mi sono mai vergognato di aver vissuto anni in una casa popolare che ci era stata concessa dopo aver vissuto per anno e mezzo in un “fondo” in condizioni molto difficili.

Sono orgoglioso dei sacrifici fatti da mio padre e mia madre per garantirmi un futuro migliore, sacrifici che ogni giorno fanno tanti padri e madri di famiglia. Spesso, come nel mio caso non basta che tuo padre lavori anche duramente per riuscire a comprare una casa o pagare un affitto, e può accadere che una famiglia viva una emergenza dettata dalla povertà.

Ho lavorato perché emergesse la verità non solo per me, ma per ristabilire l’onore, la dignità, il rispetto della mia famiglia e dei loro sacrifici.

Non ho sporto querela col fine persecutorio nei confronti di nessuno, infatti avevamo deciso con l’imputata un patteggiamento che non prevedeva alcun risarcimento pecuniario: una semplice lettera pubblica di scuse dove si confermava la mia onestà, il mio corretto comportamento e la falsità delle dichiarazioni contenute nell’articolo in questione.

La lettera fu scritta dalla giornalista che però non ha adempiuto agli impegni presi di pubblicarla sui quotidiani locali così che ha costretto il tribunale a condannarla anche a questo adempimento riparatore.
Diritti che tutelerò anche contro chi successivamente ha cavalcato la notizia falsa.
Voglio ringraziare tutti coloro che 4 anni fa mi hanno dimostrato sostegno e vicinanza.
La vostra fiducia è stata importante e posso oggi ribadire ben riposta.

Grazie a tutti.
Oggi sono molto felice umanamente.